Articolo scientifico rivela massiccia storico crollo vulcano Tenerife fianco

Scritto da Dave Petley
Dave Petley è il professore di Wilson pericoli e dei rischi del Dipartimento di Geografia presso la Durham University nel Regno Unito. Il suo blog fornisce un commento sugli eventi franosi verificatisi in tutto il mondo, compresi gli stessi frane, le ultime ricerche, conferenze e incontri.

Ultime notizie dell'eruzione del vulcano El Hierro : Clicca qui

Questo post fornisce una breve rassegna di una nuova carta che descrive un recentemente scoperto deposito di frana catastrofica in Tenerife.
Uno dei tipi più interessanti frana ma è scarsamente compreso che la fianco collasso vulcanico. In un collasso fianco vulcanico, il lato di un vulcano fallisce, solitamente catastrofica, generando una frana. Queste diapositive possono essere veramente grandi - decine o anche centinaia di chilometri cubici - e possono percorrere enormi distanze lungo il fondo del mare. Tali fallimenti hanno attirato l'attenzione alcuni anni fa a causa del potenziale (sopravvalutato, secondo me) per la generazione di uno tsunami catastrofico.

Tuttavia, capiamo molto bene tali fenomeni. Ci sono una serie di ragioni per questo, principalmente che:
a. Essi si verificano raramente (Globalmente circa uno ogni anno 25 in media), quindi in realtà la registrazione di uno è una sfida
b. i resti tendono a trovarsi in uno stato molto disperso sul pavimento del profondo oceano. Il lavoro sul campo a 4 km di profondità d'acqua rimane difficile, anche se sei davvero bravo a trattenere il respiro.

Tuttavia, è un aspetto particolare di queste frane che rimane inafferrabile, ma è di fondamentale importanza. Questo è l'innesco dell'evento collasso (cioè della frana stessa). Sono stati proposti numerosi meccanismi, tra cui il cambiamento del livello del mare, i cambiamenti climatici, la pressione idrotermale, l'intrusione di materiale vulcanico e vari altri. È stato molto difficile accertare l'importanza di ognuno di questi. Questa è una domanda importante se vogliamo stimare in modo affidabile il rischio associato a potenziali collassi futuri.

In un articolo pubblicato in Geologia questo mese, Harris et al. 2011 relazione molto interessante trovare sull'isola di Tenerife, Una delle Isole Canarie. Questo è i resti di un evento antico crollo nella parte sud-orientale del vulcano Cañadas. Il deposito di frana, che è fino a 50 metri di spessore, è stato mappato in una vasta area - 90 chilometri quadrati - e questo è solo il componente onshore della massa, che può estendere un altro 50 km al largo. Il deposito è costituito da un classico materiale da valanga di detriti, con un grande (tipicamente fino a 12 m lungo asse), blocchi frantumati in una matrice altamente disordinata e non strutturata. Questo è tipico di un evento di collasso molto energico, molto grande. Curiosamente, nella parte superiore del deposito si trovano alcuni sedimenti fluviolacustici (acqua / lago) nei resti delle cavità, a indicare che in seguito alla frana si formarono laghi superficiali, presumibilmente a seguito di blocchi creati dalla frana . Associati al deposito di frana sono i resti dei flussi piroclastici.

Questo è davvero interessante di per sé, ma il deposito molto ben conservato consente sia una datazione molto precisa che una ricostruzione degli eventi accaduti. La datazione si ottiene una data di circa 733,000 anni fa, con un errore di soli anni 3,000. Quindi, la sequenza di eventi è interpretata come:
- Un eruzione evento, Chiamato l'eruzione Helecho iniziata nella forma di un evento esplosivo che doccia cenere e quindi materiale piroclastico attraverso l'area locale;
- A cupola è cresciuto sul vulcano;
- Questo cupola crollò catastroficamente, Generando una frana che ha viaggiato km 17 verso la costa, e quindi probabilmente molto più in là nel mare;
- Eruzioni successive drappeggiato ulteriori piroclastico, e poi pomice, depositi sulla superficie della frana, e l'acqua piovana raccolta in cumuli per formare piccoli laghi;

Così, in questo caso il crollo fianco vulcanica è stata innescata da un grande eruzione vulcanica esplosiva. È interessante notare che gli autori lo notano il crollo frana ha lasciato un vuoto nel bordo della caldera che successivamente incanalata depositi piroclastici a sud-est.

Certamente questo documento non risolve la questione di ciò che innesca crolli fianco vulcaniche, ma è un punto dati importante che convalida uno dei meccanismi più probabili. Fornisce anche una grande opportunità per studiare queste frane in dettaglio, che dovrebbe darci una visione molto più ampia delle dinamiche di questi immensi movimenti di massa.

Riferimento
Harris, PD, Branney, MJ, e Storey, M. (2011). Grande eruzione-triggered oceano-isola di frana a Tenerife: record Onshore e lungo termine sulla Geologia pericolosa dispersione piroclastica, 39 (10), 951-954: 10.1130 / G31994.1

Incoraggiamo i nostri lettori a leggere regolarmente Dave Petley's "La frana Blog", Probabilmente il migliore del mondo!
Copyright Dave Petley e "Il Blog Landslide"

Commenti

  1. Francisco Fernandez dice

    Quante bocche si aprono in questo momento??
    quante possiamo aspettarci nei giorni successivi?
    sono queste bocche aperte lungo una linea??
    Maggio sull'isola El Hierro essere tagliato in due pezzi?
    scienziati ed esperti vulcano hanno un sacco di saperi su ciò che accade al momento presente e tempo passato,
    per quanto riguarda il tempo futuro?
    quando si verifica, vi mostriamo, non prima ..... in arrivo !!!

    • Armand Vervaeck dice

      Difficile dire che possiamo vedere solo le macchie e la colorazione delle macchie. Dovremmo avere bisogno di immagini satellitari per vedere se ci sono ulteriori prese d'aria aperte. Al momento non lo pensiamo. Molte delle tue domande possono essere risolte solo dal vulcano, e temo che non risponda.

  2. Spero che tu abbia ragione Armand. Ho un figlio a College in Virginia Beach e mia figlia vive nell'entroterra. Credo che vedremo quello che il nostro pianeta ha in serbo per noi.

  3. Potrebbe ad esempio un crollo grande succedere con El Hierro?

    • Armand Vervaeck dice

      Normalmente non, come gli attuali terremoti vulcanici, deformazione, gas ecc non sono critici o esplosivi. Se l'eruzione è in corso sotto il livello del mare (come ci aspettiamo), vedremo nulla e finirà ... a meno che non chiamano i robot sottomarini (ci sono solo alcuni di loro in tutto il mondo). Un crollo sarebbe possibile solo se si verifica una grande esplosione, ma questo non è ciò che gli scienziati si aspettano

    • Grazie per queste informazioni.
      Ero terrorizzato.